Pizzeria a Trastevere, Roma


La tradizione napoletana e quella romana si incontrano

Il Conte di Montecristo, a Trastevere, Roma, è anche pizzeria.

Per le sue pizze impiega l’impasto tradizionale della pizza a lunga lievitazione. La cottura viene effettuata in forno a legna. L’elenco comprende pizze bianche e pizze rosse, combinate in vario modo con molti altri ingredienti.

Ingredienti che, come anche nel Ristorante, sono freschi, se possibile provenienti dalle zone limitrofe di Roma: la ricotta ed il pecorino sono romani, la pancetta, il guanciale arrivano al pizzaiolo dalle zone vicine, il basilico è sempre fresco, come anche la mozzarella.

Perché una pizza margherita senza basilico fresco a coronarla, perde il suo sapore originale, diventa una pizza che vorrebbe essere margherita, ma non vi riesce.


L’intento in questa pizzeria di Trastevere, a Roma è quello di far incontrare il piatto tradizionale napoletano con quello romano. Nasce da qui l’idea del menù pizza, una proposta al prezzo di € 12 comprensiva di pizza e bibita, ma anche di supplì e crocchetta. Un modo per far incontrare due culture, di lasciare che i loro sapori si incontrino, si confrontino, ed infine, insieme e distinti, soddisfino l’olfatto, la vista ed il gusto; coinvolgendo tutti i sensi.

Un menù così composto, poi, impiegando la pizza come portata principale, permette anche un piccolo antipasto, per il quale sono impiegate crocchetta e supplì, divenendo quindi un menù completo, comprensivo di bibita, all’interno del quale gustare la specialità partenopea, senza trascurare quella più tipicamente romana .

E se, nella caotica e indaffarata Roma, non si ha tempo per cucinare, o ci si vuole godere una pausa pranzo un po’ diversa, che non sia composta unicamente dal solito panino imbottito con salsa, il Conte di Montecristo, Pizzeria di Trastevere a Roma propone anche la pizza da asporto. Impiegando questo servizio il costo della pizza sarà diminuito del 10%, e ci si potrà assicurare un pasto, a casa od in ufficio, con il sentore dei profumi del Golfo. Una vera e propria pausa dallo stress e da ciò che opprime, dal pensiero di dover correre per concludere qualcosa. Un attimo di relax, un attimo solo per se stessi e la propria soddisfazione.


Se invece si vuole gustare la pizza scelta direttamente nel locale, tranquillamente seduti ad uno dei tavoli, all’esterno, nel giardino o nella sala coperta, o all’interno, si può concludere il pasto con uno dei dolci, sempre freschi, presenti.

Alcuni esempi sono i classici, gustosi maritozzi, con e senza panna, le torte al cioccolato, ricoperte, decorate e farcite in vari modi, ma, intorno al periodo di carnevale, anche le castagnole e le frappe, e nel periodo di Pasqua anche pizza cresciuta, dolce tipico del momento, ma anche dolci rivisitati in chiave contemporanea, come lo scrigno di pasta phillo con pere e cioccolata, o lo scrigno, sempre di pasta phillo, con mele e mandorle. La sicurezza è che, anche se il dolce è rivisitato, per una proposta un po’ diversa, la qualità è sempre alta, la provenienza degli ingredienti e la loro freschezza sempre la medesima, la cura impiegata nella preparazione invariata, la cordialità con cui vengono porti sempre immutata.


In questa Pizzeria di Trastevere a Roma la pizza non è solo portata sostitutiva di un pasto. La pizza è tradizione che si incontra, profumi che si mescolano, sapori freschi e genuini. La pizza è ricordo della sua terra d’origine, esaltato e contrastato dalla vicinanza di profumi e sapori tipicamente capitolini. Ma per rendere veramente una pizza in grado di compiere questa magia dei sensi, la miscela alla base dell’alchimia è sempre la stessa, mai cambiata: ingredienti freschi, capacità di lavorazione, esperienza e giusta conoscenza uniti ad una buona atmosfera rustica ed accogliente. E soprattutto, la cortesia e la cordialità, la capacità di accogliere e salutare con un sorriso.

Le prenotazioni non sono obbligatorie ma consigliate, soprattutto in caso di grandi gruppi ricorrenze, occasioni e richieste particolari.